Diari

VII: Nascita di un’amicizia

Oggi mi va cosí, di celebrare un ricordo che é ancora giovane, appena un paio di anni, ma che spero viva a lungo nella mia memoria. Quindi quale modo migliore di imprimerlo se non scriverlo e condividerlo col mondo?

Il ricordo é quello legato ad una serata inconsueta e speciale, una delle prime passate con quella che stava diventando una delle mie migliori amiche in Italia (devo precisare visto che ho vissuto un po’ in giro per il mondo negli ultimi anni).

Quella sera dopo il lavoro abbiamo deciso di andare a fare un aperitivo, cosa rara oggigiorno lo so, ma sono sicura che torneremo presto a farlo.

Se ti vuoi candidare alla politica ti prego di mantenere questo tono molto pacato e corretto…che noia!

Sai, c’é giá abbastanza gente in giro che spara ca***e su ogni cosa e io, finché mi rimane un po’ di materia grigia, vorrei tenermi lontana. Comunque, torniamo alla storia che ci porta a periodi lieti in cui non si dovevano portare mascherine e si poteva bere un martini in santa pace. Fatto sta che non andammo subito al nostro ritrovo di fiducia, ma la mia compagna di avventure volle prima andare a salutare degli ex-colleghi molto speciali.

Fu cosí che mi portó a teatro, dove aveva lavorato come maschera: sapete quelli che vi aiutano a trovare il posto assegnato e che vi intimano silenzio se diventate troppo molesti? Proprio loro. Entriamo mentre lo spettacolo é giá iniziato, nell’ingresso in stile Art Nouveau con pareti completamente ornate di specchi in cornici dorate e la scalinata coperta dal tappeto rosso.

Dai non esagerare, non era cosí imponente.

E invece sí! Forse il teatro in sé non era grande, né famoso, ma il fatto di essere accolte da tutto lo staff che era di turno quella sera con cordialitá e simpatia, e l’emozione di muoverci silenziose nei corridoi per non disturbare la visione dello spettacolo, resero tutto magico per me! Eh sí, devo ammettere che ci hanno lasciato sbirciare anche lo spettacolo in corso, un musical noiosissimo su…boh, chi si ricorda.

Ricordo peró che alla fine di quel viaggio di nascosto al teatro, ho avuto la netta impressione che quella fosse la nascita di una nuova amicizia. E cosí é stato. Alla mia cara amica non ho mai detto che quella serata in cui mi ha voluta trascinare con sé a teatro, mi sono sentita inclusa nel suo mondo e che io, trasferitami dall’estero con tante ferite nel cuore ancora da rimarginare, potevo fare lo stesso con lei.

Vi é mai capitato di sentire il momento esatto in cui nasce un’amicizia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...